Skip to main content

Forse pochi di voi sanno che a Voghera c’è stata, seppure per pochi anni, una fabbrica di motocicli.

Era la Fabbrica Nazionale Motocicli Maxima nata in città alla fine della Prima Guerra Mondiale per opera del Conte Faustino Odetti. Nel Settembre 1920 venne presentata la prima Moto Maxima che impiegava lo stesso schema costruttivo di una moto britannica, la Douglas e, cioè, un motore a due cilindri contrapposti. Il motore della prima moto Maxima aveva una cilindrata di 690cc. L’anno successivo, il 1921, la moto venne prodotta anche nella cilindrata 750cc.

Moto Finzi. 1920-1925. Fotografia http://woiweb.com/wiki/index.php?title=Finzi

Nel 1922 entrarono nella Fabbrica Nazionale Motocicli Maxima i fratelli Gino e Aldo Finzi con i quali ebbe inizio la produzione di una linea di moto a marchio Finzi, quasi una “collezione Finzi”.

Alfo Finzi, 1922. Fotografia https://www.fondazionepirelli.org

Gino e Aldo Finzi erano due gentiluomini di origine veneta appassionati motociclisti. Nel 1921 Aldo aveva vinto infatti la Targa Florio alla guida della prima moto Guzzi, la mitica “numero 51”. Dalla collaborazione con Maxima nacque la prima Moto Finzi che venne presentata al Salone del Ciclo e Motociclo di Milano nel Gennaio 1923. La Finzi aveva un motore da 598cc e un design molto avanzato per quei tempi.

La produzione della fabbrica di motocicli vogherese continuò fino al 1924 con un totale di moto, comprensive del marchio Maxima e del marchio Finzi, di 100-300 unità. 

Nel 1925, però, la Fabbrica Nazionale Motocicli Maxima chiuse i battenti e si pensa che la sua causa più probabile fosse l’implicazione, poi rivelata si ingiusta, dell’Onorevole Aldo Finzi nell’omicidio, nel 1924, del deputato del partito socialista Matteotti.

Disclaimer

Ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.L. 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla Legge di conversione 21 maggio 2004, n. 128 e succ. mod., tutte le opere eventualmente presenti sul presente sito, e suscettibili di copyright, hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d’autore e sui diritti connessi. Anche per tali opere vale il divieto di cui al punto precedente. E’ vietata la riproduzione e l’utilizzo senza l’autorizzazione ed il consenso dell’autore

Roberta Tavernati

Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione Interculturale e Multimediale all'Università degli studi di Pavia, nel 2012, con una tesi sulle Tecniche Cinematografiche 3D e il Motion Capture. Nello stesso anno ho aperto la mia azienda di apicoltura, MielOrum, con punto vendita a Casteggio. Da sempre, le mie passioni sono i computer, la grafica, la scrittura e la fotografia. Queste ultime, in particolare, insieme all'amore per il mio territorio, mi hanno motivata ad aprire questo blog.