Questo 2019 si sta presentando, una volta ancora, come anomalo nel nostro Oltrepò Pavese, e non solo. La causa è da ricercarsi nella carenza di perturbazioni  e persino di nuvole, che raramente ci hanno interessato.

Al contrario è stato uno dei mesi di febbraio più caldi, con le massime che hanno superato più e più volte i 20°C. Non si può parlare di cambiamento climatico per un annata particolare, ma il trend degli ultimi anni ci insegna che il riscaldamento globale è arrivato anche da noi.

Risentiamo di un clima che ha qualcosa in comune con quello desertico.

Siamo infatti una delle aree a più alto indice di continentalità. In parole semplici vuole dire che non risentiamo quasi per niente della pur vicina presenza del mare.

Basta prendere il treno per Genova e accorgersi di come possa variare, in pochi chilometri, il paesaggio. Ancora più freddo (e neve) nelle vallate fino ad Arquata o Ronco Scrivia, ancora protette dall’influenza del mare dall’Appennino, e un clima completamente diverso una volta superato lo spartiacque.

La conseguenza del clima continentale è innanzitutto la quantità di piogge non elevata, che infatti è davvero poca se confrontata a molte altre del Nord Italia.

Un altro fattore è la forte differenza fra le temperature massime e minime. Come stiamo sperimentando, a massime primaverili fanno da contrappunto minime sotto lo zero, con sbalzi nelle 24 ore anche di 25°C.

Una differenza che perdura durante l’estate, quando le massime spesso sono più elevate che in altre aree vicine, mentre le minime sono più fresche. Esattamente l’opposto di quanto accade al mare, quando l’azione del mare tende ad avvicinare le temperature diurne e notturne.

Non sarà un caso che proprio a Varzi si è registrato il record di caldo della Lombardia, con 41,8°C.

Varzi si trova infatti in una conca piuttosto secca che esalta il clima continentale, anche a causa del fatto che è circondata da monti.

E d’inverno? Come abbiamo visto in precedenza, dove altrove piove, spesso in Oltrepò nevica, ed il manto nevoso spesso si mantiene per molti giorni. Ovviamente, riscaldamento globale (o, meglio, locale) permettendo.

Per informazioni e previsioni meteo sull’Oltrepò Pavese, Provincia di Pavia e Alessandria, visitate il mio sito web:

www.prontometeo.com

Marcello Poggi

Marcello Poggi

Mi sono laureato in Scienze Naturali, indirizzo di Conservazione della Natura e delle sue risorse, con una tesi sui ragni nelle prime colline dell'Oltrepò Pavese. Seguendo il grande interesse per la meteorologia che ho fin da piccolissimo, ho poi conseguito un master post-laurea in Meteorologia presso la facoltà di Fisica di Torino. Da allora mi sono dedicato alla divulgazione scientifica, tramite partecipazione a incontri pubblici, pubblicazioni, seminari didattici presso scuole ed Università, come collaboratore a diverse riviste cartacee e on-line. Ho creato e gestisco la pagina http://www.prontometeo.com dedicata alle previsioni meteorologiche per le province di Pavia ed Alessandria.

Leave a Reply

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove