Concludiamo il mese di Novembre con questo articolo scritto per noi da Simona Guioli, Direttrice del Civico Museo di Scienze Naturali Giuseppe Orlandi di Voghera

Simona di parlerà di “impronte” lasciate da microrganismi, e non solo, milioni di anni fa quando il nostro Oltrepò Pavese era un antico e profondo mare!

Camminando lungo alcuni sentieri del nostro Appennino può capitare di imbattersi in strane pietre che presentano particolari solchi o “disegni”.

Si tratta di impronte fossili lasciate da vari organismi che un tempo si muovevano sul fondo di un antico mare.

Infatti, milioni di anni fa, quelle che oggi ci appaiono come montagne, erano in realtà fondali di grandi oceani. A causa delle collisioni tra placche tettoniche vennero a crearsi monti e rilievi così, quello che un tempo giaceva sul fondo del mare si trovò innalzato e portato alla luce.

La curiosità che deriva da queste tracce, è che sono riferibili principalmente a invertebrati che, pascolando nei fondali, lasciarono testimonianza di sé con piste, impronte , tracce delle loro tane etc.

L’aspetto di questi fossili è assai vario ma, in base alla tipologia, si può capire in quale tipo di attività fosse impegnato l’organismo nel momento in cui la lasciò: ricerca di cibo, spostamento, difesa o fuga, protezione in una tana…

E’ quindi evidente che ogni animale potesse lasciare anche più di una tipologia di impronta.

Le rocce che maggiormente presentano questi tipi di fossili si chiamano “Flysch” e affiorano principalmente nella parte montana nel nostro Oltrepò Pavese.

Testo di Simona Guioli, Direttrice Civico Museo di Scienze Naturali Giuseppe Orlandi Voghera e Responsabile Sistema Museale Oltrepò Pavese

 

Disclaimer

Ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.L. 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla Legge di conversione 21 maggio 2004, n. 128 e succ. mod., tutte le opere eventualmente presenti sul presente sito, e suscettibili di copyright, hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d’autore e sui diritti connessi. Anche per tali opere vale il divieto di cui al punto precedente. E’ vietata la riproduzione e l’utilizzo senza l’autorizzazione ed il consenso dell’autore

Roberta Tavernati

Roberta Tavernati

Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione Interculturale e Multimediale all'Università degli studi di Pavia, nel 2012, con una tesi sulle Tecniche Cinematografiche 3D e il Motion Capture. Nello stesso anno ho aperto la mia azienda di apicoltura, MielOrum, con punto vendita a Casteggio. Da sempre, le mie passioni sono i computer, la grafica, la scrittura e la fotografia. Queste ultime, in particolare, insieme all'amore per il mio territorio, mi hanno motivata ad aprire questo blog.

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove