Percorrendo la Green Way

Il percorso ciclopedonale della Green Way “Voghera – Salice Terme”, quello che una volta era il tragitto della “Ferrovia Voghera – Varzi” esistito dal 1931 al 1966, è stato inaugurato nel 2014. Un tratto di 12 Km che parte dalla stazione di Voghera e arriva a Salice Terme. La nostra proposta include alcune tappe dove poter godere dei sapori dell’Oltrepò Pavese, per pranzo, aperitivo e cena.

Proposte della durata di un pomeriggio o di un giorno completo.

Sono in corso i lavori per estendere il tratto da Salice Terme a Varzi, verranno completati nel corso del 2020.

Scoprire Casteggio in una Domenica di mercato

Casteggio dista circa 27 Km da Pavia, circa 53km da Milano (Famagosta), circa 53 Km da Piacenza e circa 30 Km da Tortona.

Il giorno più bello per potersi immergere nell’aria casteggiana, è la Domenica mattina quando la sua storica Piazza Cavour (progettata nel 1858) viene riempita e rallegrata dai numerosi banchetti del mercato storico e le vie di Casteggio prendono vita con i tanti negozi di vestiti, accessori e aziende artigianali locali.

Costa Pelata, un itinerario tra trekking e battaglie

La battaglia di Costa Pelata
Lungo il percorso, nella località di Costa Pelata, situata nel comune di Costa Cavalieri, prima di imboccare la
strada provinciale 203, l’occhio cadrà su un monumento ed una targhetta sul ciglio della strada. È questo il
luogo in cui si commemora il contrattacco dei partigiani locali all’assedio dei nazifascisti del marzo 1945. Fu
lo scontro che sancì definitivamente la fine del loro controllo in Oltrepò Pavese e fu, come recita la stele ‘la
battaglia decisiva per la storia delle nostre montagne’.
Un’escursione tra le colline
Distanza: 20 km
Dislivello in salita: 665 m
Partenza/ arrivo: Borgo Priolo
Punti d’interesse: Borgo di Fortunago, Castello di Stefanago

La Via del Sale: dagli Appennini al Mare

Un percorso storico, che negli ultimi tempi sta tornando ad essere percorso da camminatori da tutta Italia. Conosciuto per i suoi panorami e la sua posizione strategica a confine tra quattro regioni, è un vanto della Valle Staffora.

La Via del Sale è un trekking considerato non adatto a tutti a causa dei grandi dislivelli e dalla carenza di strutture lungo il tragitto. In contrapposizione vi è un’ottima segnaletica che muterà solo al cambio di regione: in Lombardia i cartelli indicheranno la ‘Via del Sale’, mentre in Liguria la ‘Via del Mare’. I periodi indicati per la percorrenza sono quelli poco caldi e al sicuro dalle piogge, sono quindi consigliati i mesi tra aprile e giugno e settembre-ottobre.

Dal borgo medievale di Varzi alla baia di Portofino

Distanza: 85  km

Dislivello in salita: 3500 m

Dislivello in discesa: 4000 m

Partenza: Varzi

Arrivo: Portofino

Punti d’interesse: Varzi, Monte Chiappo, Capanne di Cosola, Torriglia, Portofino

Sapori e colori della Valle Staffora

Nella proposta di oggi vi porteremo in Valle Staffora, a scoprire i sapori e i colori delle alte colline dell’Oltrepò Pavese.
La proposta è valida sia per una gita di un giorno oppure, perché no, anche con pernottamento in uno dei vari ed accoglienti B&B e Agriturismi in zona (a fondo pagina, qualche consiglio).

La vostra gita può iniziare a Bagnaria , poco distante da Varzi. Bagnaria è un borgo fortificato tra i frutteti della Valle Staffora e può essere considerato il più interessante esempio di architettura e urbanistica medievale ancora presente in Oltrepò Pavese. Si prosegue poi a Bosmenso, per un pranzo della tradizione e successivamente scopriremo le bellezze di Varzi e della Torta di Mandorle. Dove assaggiarla e dove acquistarla?

Potete concludere la vostra gita a Ponte Nizza, all’Eremo di Sant’Alberto di Butrio senza dimenticare una visita al Museo del Trenino Voghera – Varzi.

E se volete fermarvi a dormire? Nessun problema, vi proponiamo qualche struttura.

Tra Castelli, Vino, Birra e Campi di Lavanda

Il mese di Giugno sta per finire e la Lavanda, che ha tanto attirato gli appassionati di fotografia e non solo, sta per essere raccolta e trasformata in olio essenziale dalle aziende produttrici. Ma se avete fortuna potreste ancora essere in tempo. Ecco quindi una piccola proposta che vi porterà in Valle Coppa, Valle Ardivestra e Valle Tidone.

La vostra gita inizia a Fortunago, uno dei Borghi più Belli d’Italia, la sua struttura medievale è perfetta per scattare fotografie e per passeggiare tra i suoi vicoli dove le case in pietra a vista sono decorate con vasi di fiori coloratissimi. La tranquillità e l’accoglienza di questo borgo sono caratteristiche che lo rendono meta perfetta per le gite del sabato e della domenica.

Percorrendo la Via di San Colombano
da Pavia a Bobbio passando per l'Oltrepò

La Via di San Colombano è una variante della Via Francigena che collega Pavia a Bobbio, passando per le colline dell’Oltrepò Pavese. La partenza dell’intero percorso si colloca in Irlanda, luogo d’origine del Santo, e vede l’arrivo nel borgo piacentino.

Dalla capitale dei Longobardi, ad uno dei borghi più belli d’Italia
Distanza: 70 km
Partenza: Pavia
Arrivo: Bobbio
Punti d’interesse: Pavia, Broni, Canevino, Romagnese, Bobbio

La Via di San Colombano da Pavia a Bobbio, rientra in un altro importante percorso italiano: la Via degli Abati, che prosegue fino a Pontremoli. Dalla Pianura si inizia ad intravedere la prima collina verso Broni, continuando poi a salire fino a Canneto Pavese e ancora più in alto a Pometo. Tra vari sali e scendi, si giunge nel borgo che fu la casa di San Colombano.