A Santa Giuletta, lungo la Via Emilia, c’è un luogo dove coesistono vecchio e nuovo e dove, i sapori del territorio (ma non solo), si uniscono all’originalità e alla ricercatezza di Gin esotici, toniche, Rum cubani e birre artigianali.

Questo luogo si chiama Libra 15 e prende vita ogni sera nella storica pesa pubblica, risalente al 1867, di Santa Giuletta. Tra le mura di mattoni rossi, luci soffuse sprigionate dalla costellazione di lampadine vintage che scendono dal soffitto e l’insegna al neon blu con scritto “Bar” rendono l’ambiente accogliente, moderno e, allo stesso tempo, rètro.

Siamo andati a scoprire l’Hambugeria Gourmet di Enrico Masnate  e ne siamo rimasti affascinati!

Ma prima, un pò di storia sull’edificio storico!

Contributo del testo  e  fotografia di Loretta Ravazzoli:

Il Peso Pubblico prima della Ristrutturazione

Il Peso Pubblico prima della Ristrutturazione

Il progetto per il nuovo peso pubblico, presentato dal noto architetto ed ingegnere Paolo Cormano (a lui si deve la progettazione della Caserma della Cavalleria di Voghera), fu approvato dal Consiglio Comunale nel 1867. Il Peso, con relativa abitazione del gestore, fu realizzato su un appezzamento di terreno posto in angolo fra la Via Emilia e la Via della Stazione, dove si trova attualmente.

Nella costruzione dell’edificio, portato a termine in breve tempo, fu posta particolare attenzione alle decorazioni in mattoni a vista caratteristiche dell’epoca utilizzando mattoni (quadrelli) detti “a due sabbie“. All’edificio fu abbinata una grande bilancia stadera fornita di un ampio tavolato in legno su cui salivano i carri per effettuare le pesature. Nel 1870 si rese necessario innalzare il livello del piano della bilancia per evitare la penetrazione di acqua piovana all’interno della buca contenente i meccanismi. Il progetto realizzato dall’Ingegner Giuseppe Scotti, comportò non solo l’innalzamento della bilancia ma anche il rifacimento del selciato circostante in modo da creare cunette e pendenze atte ad allontanare le acque piovane.

Il lavoro dell’appaltatore del Peso Pubblico consisteva principalmente nel calcolare il peso di prodotti agricoli: grano, meliga, fieno e uva. Era quindi legato alle stagioni con un periodo di massima attività in estate ed autunno e un periodo tranquillo durante i mesi invernali. Spesso i locali del Peso furono utilizzati anche come Osteria. Era così possibile, tra una pesata e l’altra, ingannare il tempo gustando un buon bicchiere di vino locale. Nel 1948 nel piccolo edificio di fianco al Peso Pubblico fu installato il centralino telefonico e l’appaltatore del peso divenne titolare anche di questo servizio. Si trattava di un servizio piuttosto impegnativo in quanto al centralino facevano capo non solo gli abbonati di Santa Giuletta ma anche quelli di Torricella e Mornico. In totale 12 abbonati.

Da una relazione circa il materiale giacente presso il Peso Pubblico al 1° gennaio 1952 risultava che l’edificio si componeva di una stanza al pian terreno, fornita di un lavandino di graniglia, di “un fornello in mattoni con rivestimento in piastrelle” e di finestre provviste di vetri; di una stanza al piano superiore con finestre in pessime condizioni. Sul retro della casa esisteva un gabinetto in muratura (realizzato nel 1911), ritenuto in buono stato, un pollaio, un orto e un portichetto per conservare la legna. L’arredo della cabina telefonica era costituito da un tavolino, un orologio a pendolo e due sedie in pessimo stato. Si può intuire che si trattava di un arredamento quanto mai scarno che veniva completato, di volta in volta, dai pochi mobili di proprietà dell’appaltatore.

Il doppio ruolo di gestore del Peso e del centralino ebbe termine nel 1956, anno in cui gli abbonati telefonici furono collegati direttamente con la Centrale di Casteggio. Negli anni ’50-’60 il Peso Pubblico fu frequentato sempre più da mezzi di trasporto a motore e sempre meno da carri a trazione animale. Il periodo di maggior lavore rimase comunque legato alle attività agricole con punte massime durante la vendemmia e la mietitura. L’edificio del Peso Pubblico, rimasto inabitato per parecchio tempo, all’inizio del 2000 è stato venduto dal Comune a privati mantenendo inalterata la struttura esterna. La piattaforma per le pesate è stata mantenuta ed il calcolo del peso è stato affidato ad un sistema elettronico che non necessita di personale.

L’intervista al proprietario, Enrico Masnate

Quando e come è nato Libra 15?

Siamo rimasti da subito affascinati dal locale, ex pesa pubblica di Santa giuletta,  ci ha trasmesso calore e originalità essendo uno spazio, si può dire, storico. Abbiamo cosi aperto la nostra Hamburgeria il 14 febbraio 2018 chiamandolo Libra 15 per due motivi: “Libra” la parola latina che significa “bilancia” proprio perchè l’edificio era una pesa pubblica e 15 per il numero civico. Il locale era già arredato ma noi lo abbiamo arricchito donandogli la nostra personalità, accentuando lo stile rustico e industrial, con l’intento di creare un’atmosfera calda ed accogliente con l a saletta privata, riarredata in stile anni ’70, dove è possibile accogliere piccoli gruppi che vogliono isolarsi dal resto del locale.

Vado molto fiero dell’insegna al neon con scritto “Bar”, perchè dona quel tocco di originalità che trasforma completamente l’arredamento e diffonde la luce blu in tutta la sala e sulle scale.

Perchè Humburgeria gourmet e gintonicheria?

Abbiamo aperto identificandoci proprio in una Humburgeria Gourmet e Gintonicheria, non ristorante. La nostra caratteristica è l’ampia offerta di Gin particolari provenienti davvero da tutto il mondo, dai Gin finlandesi ai giapponesi, dai Gin tedeschi a quelli austrialiani e francesi. In concomitanza con i Gin offriamo toniche davvero buone e non commerciali, ognuna di esse ha caratteristiche che la rendono abbinabile ad un diverso gin esaltandone le qualità. Abbiamo poi una selezione ricercata di Rum che, ricordo, non sono provenienti dalla grande distribuzione proprio perchè chi ci viene a trovare a Santa Giuletta vuole bere qualcosa che non si trova ovunque. Volevamo qualcosa che si discostasse dallo stile fast food, o meglio, che lo stile fast food e gourmet si fondessero.

E’ presente anche una selezione di vini  e salumi dell’Oltrepo’ Pavese…

Si, io propongo solo vini del territorio ognuno dei quali si abbina in modo diverso a seconda della pietanza proposta in menù. Ho vini rossi e bianchi: Ballabio Winery, Verdi Vini di Canneto Pavese, Fratelli Agnez di Rovescala, Finigeto di Montalto Pavese, Vignasoul di Golferenzo, Cà di Frara di Mornico Losana.

Offriamo anche una selezione di salumi del territorio, in particolare il salame di Montù Beccaria.

La qualità è la caratteristica principale di Libra 15, come scegli per esempio le carni?

Seleziono e scelgo solamente carni italiane di tagli diversi proprio per poter offrire diverse specialità in menù. Ad esempio per la nostra Tartare in menù scegliamo carne di Limousine che rimane tenera e morbida.

Ci ricordiamo del Libra 15 all’evento SaXbere Golferenzo 2019, hai in programma nuovi eventi nel 2020?

Si, eravamo presenti per la prima volta al SaXbere Golferenzo l’estate scorsa e ne siamo stati davvero molto soddisfatti! Abbiamo proposto due tipi di Humburger, il “Libra 15” e un “Classico”, entrambi cucinati sul momento proprio come prevedeva lo “street food” della serata.

Per il 2020 abbiamo in programma SaXbere e poi, forse, una nuova manifestazione nel medesimo stile, ancora in stato embrionale, a Mornico Losana. 

Ci piacerebbe organizzare eventi nel nostro locale. In passato abbiamo tenuto cene a tema con vino e carni particolari, in quell’occasione avevamo collaborato con la Cantina Vignasoul di Golferenzo, Ballabio e Finigeto. Le serate a tema consistevano in tre tipi di carne, molto diverse tra loro, con tre o quattro portate con abbinamento di vini.

Ma abbiamo il desiderio di poter organizzare anche eventi diversi, come serate dedicate alla presentazione di un libro o serate con musica live. In estate apriamo anche il giardino che sarebbe perfetto per questo tipo di eventi.

La cosa che ci piacerebbe è di avere la possibilità di fare conoscere il nostro locale anche a coloro che vengono fuori dalla Provincia di Pavia.

Libra 15

Via Emilia 19, Santa Giuletta

Tel: 338.8717644

Facebook: clicca qui

 

Disclaimer
Ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.L. 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla Legge di conversione 21 maggio 2004, n. 128 e succ. mod., tutte le opere eventualmente presenti sul presente sito, e suscettibili di copyright, hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d’autore e sui diritti connessi. Anche per tali opere vale il divieto di cui al punto precedente. E’ vietata la riproduzione e l’utilizzo senza l’autorizzazione ed il consenso dell’autore

Roberta Tavernati

Roberta Tavernati

Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione Interculturale e Multimediale all'Università degli studi di Pavia, nel 2012, con una tesi sulle Tecniche Cinematografiche 3D e il Motion Capture. Nello stesso anno ho aperto la mia azienda di apicoltura, MielOrum, con punto vendita a Casteggio. Da sempre, le mie passioni sono i computer, la grafica, la scrittura e la fotografia. Queste ultime, in particolare, insieme all'amore per il mio territorio, mi hanno motivata ad aprire questo blog.

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove