Oggi 20 Maggio 2020 è la giornata della 161° Commemorazione della battaglia di Montebello della Battaglia del 1859, Seconda Guerra di Indipendenza Italiana.

In occasione di questa ricorrenza, sono numerose le attività svolte ogni anno a Montebello della Battaglia ma l’emergenza Coronavirus ha imposto per l’anno in corso un cambio di programma.

La Biblioteca comunale di Montebello, durante tutto il corso della quarantena, si è attivata per la promozione della storia del paese in collaborazione con lo storico Giampietro Scaglia autore di alcuni testi tra cui “Storia delle antiche dimore di Montebello“, protagonista delle audioletture proposte online dalla Biblioteca.

Le audioletture, suddivise in puntate, tratteranno ogni dimora storica di Montebello tra cui: Palazzo dal Pozzo, Castello Premoli (ora conosciuto come Castello Beccaria) e Villa Lunati. Ma non solo.

Ritenendo di molta importanza le ricerche storiche effettuate da Giampietro Scaglia, abbiamo deciso di rivolgergli una breve intervista “a distanza”:

Intervista a Giampietro Scaglia

Come nasce la sua passione per la ricerca storica ed, in particolare, per Montebello della Battaglia ?

Penso che già da ragazzo ero interessato alla storia in generale, dove però il campo è molto vasto ed ampiamente esplorato. Naturalmente la storia locale offre molte più possibilità di scoperte, specie a Montebello, paese che più volte è entrato nella storia, ma che mai a nessuno è importato più di tanto. Se penso a quanti oggetti militari saranno rimasti nei campi dopo le battaglie, oppure ai moltissimi documenti conservati un tempo negli archivi delle case nobiliari allora residenti in paese, penso che c’era la possibilità di avere un ricco museo, ma invece nulla è stato conservato. Anche in questi ultimi decenni, aste pubbliche e furti hanno disperso quanto era rimasto. 

Sappiamo che ha scritto, negli anni, diversi libri molto interessanti riguardo le Dimore storiche di Montebello. Ci può parlare di questi suoi testi?

Sulle dimore storiche il libro è unico. Vivendo a Montebello da sempre ho avuto modo, attorno alla metà del secolo scorso, di sentire i racconti di persone anziane circa le vicissitudini dei palazzi e dei proprietari che li abitavano e pertanto ho iniziato ad tracciare una trama che in seguito ho sviluppato con la lettura di documenti delle famiglie nobiliari, specie nel Fondo Marozzi, presso la Bonetta di Pavia. Infine nel 2010 ho avuto l’idea di raggruppare in un unico testo la storia di palazzi e proprietari.

Di recente il suo testo “Dimore storiche di Montebello” e’ alla base di un bel progetto di Audioletture in collaborazione con la Biblioteca di Montebello, fruibile sui moderni portali come Facebook,come è nata questa idea di collaborazione?

Ho saputo di questa originale iniziativa dalla sig.ra Gabriella Moroni, la quale mi ha gentilmente chiesto se ero d’accordo, Ho subito dato il mio incondizionato benestare, anche se non usufruendo del portale Facebook non ho possibilità di sentire la trasmissione.

Lei si è interessato molto anche di ricostruire le vicende storiche del Castello Beccaria, oggi oggetto di rivalorizzazione dagli attuali proprietari Davide Parisi e Deborah Ceriani, ai quali ha dato un grande aiuto nella descrizione del passato storico del castello. E’ corretto?

Ho una profonda stima dei signori Parisi e Ceriani ed auguro loro di vero cuore che possano restaurare il Castello, che è poi anche l’emblema, unitamente al campanile della Chiesa, della signorile immagine del paese, visto da chi transita dalla sottostante via Emilia. Ho subito dato ai proprietari informazioni, documenti, planimetrie e foto che erano in mio possesso, però la storia del Palazzo è molto più intricata di quel che pensavo e c’è ancora molto da scoprire.

Ha dedicato molti dei suoi studi e ricerche anche alla bellissima Chiesa dei Santi Gervaso e Protasio di Montebello , nonché alla piccola Chiesa di Genestrello, ce ne vuole parlare?

Nel 1995 ho avuto la fortuna di scoprire a Torino, presso l’Archivio Mauriziano, i documenti dell’antica Abbazia di SS. Gervasio e Protasio di Montebello, là finiti alla soppressione della stessa.Queste carte spaziano dal 1094 (Bolla Papale di Urbano II°) al 1782, anno della cessazione della stessa. Non essendo assolutamente in grado di decifrane parecchi, ho avvisato l’Università di Pavia, che ha subito inviato un tecnico a microfilmare dette carte e pertanto ho avuto la possibilità di scrivere il libro relativo alla storia del Monastero ed alla ricostruzione della Chiesa.

Se le chiedessimo, qual’è la ricerca storica che più l’ha appassionata, incuriosita e sorpresa, cosa ci risponderebbe?

Senz’altro i documenti relativi all’Abbazia di Montebello e tuttora conservati presso l’Archivio Mauriziano di Torino.

È molto bella e assolutamente da valorizzare la collaborazione con il Comune e la Biblioteca di Montebello per dare lustro al Suo lavoro lodevole e prezioso, ci sono state altre collaborazioni in passato o ce ne saranno in futuro?

Ho sempre collaborato con il Comune e la Biblioteca negli scorsi anni, specie per l’allestimento delle mostre fotografiche, quali “Antichi volti di Montebello” – “I Coscritti” – “Scuole e Asilo” –“Negozi e mestieri” – “Centenario della Grande Guerra” ed altri.

Dove potremmo trovare le sue belle ed interessanti opere? Sono in edizione limitata o è possibile un acquisto?

I libri in parte li ho distribuiti ad amici ed in parte li ho donati all’Auser ed alla Biblioteca. Quelli della “Bell’Italia” e del “Centenario della facciata della Chiesa” sono stati stampati a spese rispettivamente di Auser e Parrocchia. Sarebbe auspicabile farne una ristampa.

In questo periodo difficile, ha in mente qualche nuovo progetto di ricerca storica cui dedicarsi ?

Purtroppo ho già 84 anni e quindi non ho più la facilità di fare ricerche nei vari Archivi. Inoltre questa pandemia ha ulteriormente limitato i miei spostamenti. Non mi rimane altro che “tirare i remi in barca”.

Per tutte le informazioni, curiosità ed approfondimenti o per usufruire della Biblioteca Comunale di Montebello della Battaglia, ecco il link:

Pagina Facebook Biblioteca: CLICCA QUI

Di seguito, il video dedicato alla Biblioteca di Montebello con Sara Casati:

Disclaimer
Ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.L. 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla Legge di conversione 21 maggio 2004, n. 128 e succ. mod., tutte le opere eventualmente presenti sul presente sito, e suscettibili di copyright, hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d’autore e sui diritti connessi. Anche per tali opere vale il divieto di cui al punto precedente. E’ vietata la riproduzione e l’utilizzo senza l’autorizzazione ed il consenso dell’autore

Roberta Tavernati

Roberta Tavernati

Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione Interculturale e Multimediale all'Università degli studi di Pavia, nel 2012, con una tesi sulle Tecniche Cinematografiche 3D e il Motion Capture. Nello stesso anno ho aperto la mia azienda di apicoltura, MielOrum, con punto vendita a Casteggio. Da sempre, le mie passioni sono i computer, la grafica, la scrittura e la fotografia. Queste ultime, in particolare, insieme all'amore per il mio territorio, mi hanno motivata ad aprire questo blog.

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove