Come saranno la primavera e l’estate 2021 in Oltrepò Pavese? Se resterà la divisione dei colori in tutta Italia, sarà ancora più scontato che le persone sceglieranno un turismo di prossimità, lento e ad un passo da casa. Un turismo che possa essere adatto, anche, per tutta la famiglia e che permetta di scoprire e vivere territori dalle mille sfumature. Come l’Oltrepò Pavese.

L’anno scorso abbiamo affrontato più volte l’argomento del turismo di prossimità, anche in numerose dirette (le potete trovare sul nostro canale YouTube) con diverse realtà del territorio. Il turismo di prossimità rappresenta, forse, la vera chiave per rivoluzionare e valorizzare l’Oltrepò.

Ci sono infatti alcuni progetti che mirano proprio a questo, proporre ai turisti nuove esperienze a portata di territorio.

Oggi vogliamo, infatti, parlarvi del giovane progetto “Le Ciclovie dei Malaspina” ideato da Frascesco Preti di Park Hotel Salice Terme e Gilberto Betto.

Le Ciclovie dei Malaspina è un progetto ambizioso che propone pacchetti turistici per scoprire l’Oltrepò Pavese in bicicletta con pedalata assistita.

Intervista a Gilberto Betto e Francesco Preti

Il 2020 ha segnato un cambiamento storico nella vita di tutti noi e, di conseguenza, anche nell’approccio al turismo prediligendo un turismo di prossimità e più sostenibile. Ritenete che il 2021 possa essere un’ulteriore opportunità turistica per l’Oltrepò Pavese?

In un momento di grande incertezza su come e quando si potrà ritornare a fare attività sportiva di gruppo all’aperto e considerando le tendenze turistiche del mercato, riteniamo che proporre pacchetti con soggiorni brevi e non troppo lontani da casa (in particolare se proseguiranno le distinzioni dei colori delle regioni) possa essere il tipo di proposta migliore da prendere in considerazione, per la stagione 2021 che verrà.

Come è nata l’idea del Bike Touring e in quali aree dell’Oltrepò Pavese è applicata?

Gilberto Betto: “L’idea del Bike Touring è nata da una mia passione per la bicicletta e, soprattutto, per il mio territorio, l’Oltrepò. Nel 2017 ho conosciuto l’E-bike partecipando in prima persona ad alcuni eventi nelle Langhe e nel Monferrato ed è stato proprio lì che ho capito, considerando la morfologia e le caratteristiche del nostro territorio, che questo tipo di iniziativa potesse essere un modo intelligente ed innovativo per la promozione turistica in Oltrepò Pavese. La bicicletta è un mezzo semplice, alla portata di tutti e che non richiede una particolare preparazione agonistica.

L’Oltrepò Pavese è un territorio molto vario e ricco di molti aspetti: castelli, vino, trekking, gastronomia tipica… Le proposte de  “Le Ciclovie del Malaspina” cosa comprendono?

Gilberto Betto: “Le Ciclovie dei Malaspina” nascono con l’idea di creare una vera e propria rete di percorsi che possano anche appoggiarsi alla GreenWay. L’intento è quello di realizzare percorsi ad anello, ma non solo, da e per Salice Terme che riteniamo essere ancora (nonostante le mancanze conseguite dalla chiusura delle Terme di Salice) uno dei posti più conosciuti in Oltrepò Pavese in particolare in estate. Salice Terme offre una buona capacità ricettiva facilmente raggiungibile, per esempio la collaborazione con il Park Hotel Salice Terme è un punto essenziale del progetto. Tutti i percorsi proposti da “Le Ciclovie del Malaspina” raggiungeranno luoghi di interesse storico e naturalistico se accessibili al pubblico. Includeranno degustazioni di vino presso le cantine storiche, degustazioni di prodotti tipici come il Salame di Varzi e visite ad alcuni castelli visitabili, come Zavattarello e Stefanago.

Francesco Preti: “Per quanto riguarda le visite ai Castelli e dimore storiche sarebbe davvero bello ricevere la collaborazione di enti e/o proprietari per poter realizzare percorsi e visite e fare conoscere alcune perle storiche importanti dell’Oltrepò Pavese”

L’idea di un cicloturismo lento è in perfetta simbiosi con il territorio. Il cicloturismo permette al fruitore finale, il turista, di vivere e “portarsi a casa” un’esperienza speciale che include l’attività sportiva (a seconda, ovviamente, del proprio livello di allenamento), la conoscenza di posti storici, la storia, le tradizioni e i sapori dell’Oltrepò Pavese. Insomma, un’esperienza che coinvolge tutti i cinque sensi.

Come avverrà la prenotazione dei percorsi, noleggio biciclette etc? Vi appoggiate ad un portale già esistenze per le prenotazioni?

Si, le prenotazioni in questo momento vengono gestite da uno o più Tour Operator che insieme a piattaforme di nuova concezione, si faranno carico delle promozione, vendita e prenotazioni dei pacchetti turistici. Le proposte realizzate saranno presto presenti sulla piattaforma “Bici & Vacanze” dove sarà possibile scegliere tour composta da uno o più giorni di soggiorno a seconda delle preferenze del cliente. La forma prevede, inoltre, di poter partecipare anche con la propria bici al seguito oppure, se non la si possiede, di noleggiarne una attraverso i nostri negozi associati, a prezzi convenienti rispetto al loro listino.

Il Bike Touring quindi rappresenta davvero un ingrediente per il rilancio turistico sul territorio, secondo voi cosa sarebbe necessario migliorare?

Sarebbe necessaria una promozione turistica fatta dai professionisti del settore. Da parte nostra, cercheremo di promuovere e pubblicizzare l’iniziativa attraverso più canali possibili. Questo per fare conoscere, nono solo l’attività di cicloturismo ed E-bike, ma in particolare il nostro territorio.

Il progetto “Le Ciclovie dei Malaspina” sta per essere avviato nell’Aprile 2021. Per rimanere aggiornati sui percorsi e le iniziative proposte, visitate la pagina Facebook del progetto: https://www.facebook.com/Le-Ciclovie-dei-Malaspina-103981441132690

 

 

Disclaimer

Ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.L. 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla Legge di conversione 21 maggio 2004, n. 128 e succ. mod., tutte le opere eventualmente presenti sul presente sito, e suscettibili di copyright, hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d’autore e sui diritti connessi. Anche per tali opere vale il divieto di cui al punto precedente. E’ vietata la riproduzione e l’utilizzo senza l’autorizzazione ed il consenso dell’autore

 

 

Roberta Tavernati

Roberta Tavernati

Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione Interculturale e Multimediale all'Università degli studi di Pavia, nel 2012, con una tesi sulle Tecniche Cinematografiche 3D e il Motion Capture. Nello stesso anno ho aperto la mia azienda di apicoltura, MielOrum, con punto vendita a Casteggio. Da sempre, le mie passioni sono i computer, la grafica, la scrittura e la fotografia. Queste ultime, in particolare, insieme all'amore per il mio territorio, mi hanno motivata ad aprire questo blog.