La Dolcezza nel cuore di Varzi

Abbiamo voluto portare sul nostro blog, una realtà della tradizione dell’Oltrepò Pavese, dolce e speciale, nata a Varzi, in Valle Staffora. La torta di Mandorle della Biscotteria Azzaretti rientra nei prodotti tipici del territorio ed, in particolare, alle golosità che un turista in visita nel bellissimo borgo di Varzi, può acquistare.

Caterina Turrone, nell’intervista che segue, ci racconta la sua attività di famiglia e la sua scelta di rimanere a Varzi per dedicarsi alla tradizione del proprio territorio. Ma ci espone anche il suo pensiero su quello che l’Oltrepò potrebbe essere, giovane ed innovativo. Perchè il futuro è nelle mani dei giovani!

La biscotteria Azzaretti: un negozio tipico nel bellissimo borgo medievale di Varzi. Qual’è la storia della vostra attività?

Caterina Turrone

La nostra storia nasce a Varzi…

Un antico panificio, un forno e la tradizione di famiglia che ci ha tramandato tutto l’amore per i biscotti..

La Forneria Biscotteria Azzaretti è un’azienda a conduzione familiare immersa in uno dei borghi medievali più belli e antichi d’Italia.

Varzi, perla dell‘ Oltrepò Pavese, conserva i segreti di questo antico biscottificio e dei suoi prodotti da forno, da sempre rinomati per la grande qualità.

L’attività nasce dalla passione per il mondo della panetteria e della pasticceria del nonno Vittorio, la passione per il suo lavoro lo porta a realizzare prodotti semplici in maniera eccellente utilizzando materie prime ricercate e di qualità.

La famiglia Azzaretti, porta avanti la tradizione da 60 anni, tramandando di generazione in generazione la vera ricetta della TORTA di MANDORLE dei BISCOTTI  e delle COPPETTE (dolce tipico natalizio).

La torta di mandorle di Varzi: cosa la rende così speciale?

La Torta di Mandorle è un dolce delicatissimo ma allo stesso tempo semplice  e molto saporito, si accompagna benissimo con alcuni vini del Oltrepò o con vari tipi di marmellata,

infatti noi utilizziamo la frolla della torta di Mandorle come base per le nostre crostate. E’ un ottimo dessert anche da servire accompagnata al gelato o servita con frutta fresca.

L’amarognolo della mandorla unita a burro e zucchero  rendono questa frolla unica nel suo genere, è semplice come dolce e gli ingredienti possono anche non essere un segreto, ma le dosi, e la procedura di preparazione si.

La tradizione tramandata vuole che certi gesti e procedimenti vengano ripetuti meticolosamente.

La famiglia Azzaretti custodisce da più di sessant’anni la vera ricetta della Torta di Mandorle di Varzi. E siamo stati i primi a creare delle varianti, La Torta di Mandorle al CACAO e la verione con UVETTA, un accostamento riuscitissimo, che esalta ancora di più il sapore delle mandorle.

 

Oltre alla torta di mandorle, quali sono le altre specialità che un turista può trovare da voi?

Beh,  Il Pane è il principio di questo lungo cammino che non si è mai interrotto, il filo conduttore della storia di Azzaretti. L’amore per questo semplice ma fondamentale alimento ha fatto sperimentare le mani esperte e creative dei fornai, che hanno saputo inventare tanti tipi di pagnotte rimanendo fedeli alla tradizione, alla semplicità e alla qualità, ma variando anche nei gusti e sapori e rimanendo al passo coi tempo e con le richieste di mercato, infatti produciamo che molto successo il pane nero multi cereale, con farina integrale , cereali misti, semi di lino e miglio e giochiamo coi sapoti, infatti alla domenica si può trovare anche il pane con le noci e con le olive.​

Il pane di Azzaretti viene lavorato ancora di notte mantenendo vive le bighe di lievito madre, pochi semplici ingredienti lo compongono, è l’esperienza e le piccole accortezze che rendono speciale ogni panino.

Favolosa è la nostra particolare FOCACCIA, stirata a mano e infornata senza teglie con un velo di farina alla base. Da noi si possono trovare altri prodotti di pasticceria secca, come i savoiardi e gli amaretti. Siamo molto conosciuti per i nostri biscotti, che si possono trovare in vari punti vendita della provincia di Pavia di Alessandria, Piacenza e Milano.

Il primo biscotto è stata la ciambella era la ricetta di mia nonna Piera, la moglie di Vittorio, ancora oggi i biscotti vengono prodotti con la medesima ricetta, variando solo i gusti ( come gocce di cioccolato, cacao, integrale e  mais) e le forme (ciambella, treccina e gobbetto).

A Natale produciamo un meraviglioso dolce “LE COPPETTE” composte da torrone morbido realizzato con noci e miele 100% della Valle Staffora il tutto messo tra due cialde.

Siamo produttori di Panettoni e Colombe con lievitazione lenta di 24 h e lievito madre, inoltre da noi si possono anche richiedere bomboniere per vari eventi, i nostri biscotti infatti vengono anche regalati come bomboniera appunto.

Oltre a Varzi, i vostri prodotti si possono trovare anche in altre zone?

I nostri prodotti sono venduti in diversi supermercati, attualmente siamo in Carrefour, Unes,Gulliver, Basko, Tigros, questo per quanto riguarda la GDO, mentre i nostri prodotti sono molto venduti in Cantine di vini dell’Oltrepò Pavese e vari ristoranti e negozietti locali.

Forniamo il pane anche in molti ristoranti della zona oltre che nei supermercati di Varzi.

Per i vostri prodotti utilizzate (o avete in programma di utilizzare) farine di grani antichi che si stanno riscoprendo nel nostro territorio?

Noi siamo molto attenti alla qualità e alla provenienza degli ingredienti utilizzati, le farine che utilizziamo attualmente sono Italiane di grani Piacentini, siamo sempre alla ricerca di prodotti nuovi e innovativi che vanno verso un mercato etico e salutista.

Ogni singolo prodotto è scelto e selezionato, le uova sono fresche di galline allevate a terra senza utilizzo di antibiotici di categoria A nazionali, il burro attualmente lo prendiamo al Caseificio del paese che si procura il latte da fattorie della pianura padana, lo zucchero di Italia zuccheri 100% Italiano e le mandorle per i biscotti attualmente sono 100% Italiane.

Caterina tu sei una ragazza giovane. Cosa ti ha portato a decidere di rimanere a Varzi e dedicarti all’attività di famiglia? Credi che  il futuro dell’Oltrepo’ Pavese sia nelle mani dei giovani? Quali sono i tuoi obiettivi?
Io ho studiato a Milano, mi sono laureata all’Accademia di Belle Arti di Brera e specializzata all’accademia del Teatro alla Scala, ho poi lavorato in teatro e nella moda, ma il pensiero è sempre stato quello di poter lavorare nel mio territorio perché sono molto legata al mio paese, mi da un senso di quiete e serenità, ho quindi  aperto qualche anno fa un laboratorio artistico (di cui svolgo ancora lavori su richiesta) in centro a Varzi , ma ad un certo punto la mia famiglia aveva bisogno che qualcuno si occupasse a tuttotondo dell’attività di famiglia  e così è iniziata la mia esperienza in questo mondo al quale mi appassiono ogni giorno sempre di più mettendoci tutta me stessa e portando, perché no, anche il mio lato creativo.

Sono una persona positiva e credo che l’Oltrepò non sia morto ma abbia solo di essere un pochino incentivato nella crescita e ciò che vedo fa ben sperare, soltanto a Varzi i giovani hanno aperto molte nuove attività, ragazzi che hanno studiato fuori, hanno viaggiato ma che poi come me hanno deciso di investire in questo territorio.

La mia idea è quella che se si guarda al futuro con uno sguardo propositivo e positivo e portando l’esperienza fatta al di fuori in questo territorio e facendo rete tra di noi si può crescere.

I miei obbiettivi sono quelli di far conoscere il più possibile la nostra attività storica anche al di fuori del nostro territorio, mi piace anche l’idea di sperimentare con ingredienti nuovi e nuovi prodotti in una direzione Etica, infatti spesso sono in giro in cerca di nuovi prodotti che non solo siano qualitativamente ottimi ma che vengano realizzati anche nel rispetto del consumatore e dell’ambiente.

 

Disclaimer e Copyright

Ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.L. 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla Legge di conversione 21 maggio 2004, n. 128 e succ. mod., tutte le opere eventualmente presenti sul presente sito, e suscettibili di copyright, hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d’autore e sui diritti connessi. Anche per tali opere vale il divieto di cui al punto precedente. E’ vietata la riproduzione e l’utilizzo senza l’autorizzazione ed il consenso dell’autore.

Roberta Tavernati

Roberta Tavernati

Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione Interculturale e Multimediale all'Università degli studi di Pavia, nel 2012, con una tesi sulle Tecniche Cinematografiche 3D e il Motion Capture. Nello stesso anno ho aperto la mia azienda di apicoltura, MielOrum, con punto vendita a Casteggio. Da sempre, le mie passioni sono i computer, la grafica, la scrittura e la fotografia. Queste ultime, in particolare, insieme all'amore per il mio territorio, mi hanno motivata ad aprire questo blog.

Leave a Reply

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove