Fotografia e Torta di Elena Bonini

Oggi vi proponiamo un dolce da servire durante le feste di natale, una torta speciale fatta con la Pomella Genovese, la mela della Valle Staffora con la polpa bianca e succosa. L’articolo dedicato ad essa lo trovate cliccando QUI.

La ricetta che vi proponiamo è stata presentata da Laura Marchesi durante il laboratorio dedicato alla Pomella Genovese allo scorso Autunno Pavese 2019.

Riportiamo, inoltre, le traduzioni in dialetto vogherese degli ingredienti e del procedimento, a cura di Angelo Vicini.

Ingredienti

  • 250 gr di Fecola
  • 3 cucchiai di farina 00
  • 250 gr di zucchero
  • 150 gr di olio (mais, riso)
  • la scorza grattuggiata di 1 limone non trattato
  • 1 pizzico di sale
  • 4 uova intere
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 6 pomelle genovesi grandi oppure 8/10 se piccole
  • 100 gr di amaretti secchi
  • qualche cucchiaio di liquore amaretto oppure marsala secco

Siâ Gina, pâr fa lâ turtâ cun lâ pumélâ genuvésâ lâ drubàva:

  • Dü èti e més âd féculâ
  • Tri cüciàr âd fàrénâ dupiséro
  • Un éto e més d’oli âd mâlgâ o d’ris
  • Lâ pèl d’un limòn grâtâ (‘nâ vòtâ d’limòn trâtâ gh’n’èra miâ)
  • Un plüch âd sa
  • Quàtr’öv intrégh
  • Una büsténa ‘d lievit pâr lâ robâ dulsâ
  • Sés pumél gros o vòt o dés piculòt
  • Un éto d’âmârât sâch
  • Un quâj cuciàr d’liqùr d’âmârât o d’mârsàla sâch

Preparazione

Sbucciate e detorsolate le mele e, dopo averle tagliate a fettine sottili, mettetele in una ciotola con gli amaretti sbriciolati e il liquore avendo cura di mescolare il tutto ogni tanto.

Accendete il forno a 180°.

Setacciate la fecola, la farina e il lievito e mettete tutto da parte.

Frullare brevemente olio e zucchero e poi unire le uova e la scorza di limone e montate con il frullino elettrico sino a quando tutto diventi ben spumoso.

Unite le polveri e frullate sino a che il composto sia ben amalgamato.

Versate in una tortiera unta e infarinata e distribuite il composto di mele sulla superfice e poi infornate per 40-45 minuti, facendo la prova con lo stuzzicadenti per verificare la cottura.

Sìâ Gina, lâ turtâ cun lâ pumélâ genuvésâ âl lâ prepâràva insì

Lâ sìâ Gina, quând lâ prepâràva culâ turta chi, lâ vurivâ vès dâ pâr lè in cüsènâ. Lâ cendivâ lâ radio e pö lâ pjàva âl câvâgnö pen âd pumèla genuvèsâ, âl lâ pugiàva ins’âal tàvul e intânt che pâr lâ cüsènâ sâ strâgiàva un prufùm âd muscâtè unich âl mond, lâ tiràva fö sés béj pumèl o, s’èrân piculòt, vot o des.

Pö dop, bèlâ trânquilâ, intânt che dâ lâ radio surtiva ‘nâ bélâ müsicâtâ, lâ plàva i pumèl, lâ gh’tiràva via sgrüjòn, âl jâ tâjàvâ â fèten sutil sutil e po âal jâ mâtiva in’una scüdélâ insèma â l’âmârat sfrâghjà e âl liqùr e ogni tânt lâ gh’dàva una mâsjâdènâ.

Intânt che âl fürân u sâ scâldàva in’i centutântâ grad, sìa Gina lâ sdâsàva lâ fèculâ, lâ fârènâ e l’lievit mâtândi pö dâ part tüt’inséma.

Câtândâ sutvùs, lâ gh’dava ‘pena ‘nâ scrulâdènâ â l’òlì e âl sücâr prima da mâtâgh âsèma l’ov e lâ pèl dâl limòn e po lâ mâsjàva cul lâ sònsâ d’gùmi fenâ quând tut u dventàva una bèlâ spümâ e po gh’mâtìva âsèma lâ fârènâ, lâ féculâ ch’l’àva mìs dâ part prima e lâ mâsjàva tut fèna quând l’impàst u pâgàva l’ög.

Pö lâ pjàva una tâsârolâ, âl lâ vunsiva bel e l’infârinàva e po lâ gh’mâtiva dèntâr l’impàst stândâ ben âtèntâ ch’u fus post precis prima da mâtâl int’âl furân.

Siâ Gina, lâ sârâva su spurtel dâl furân, lâ pâsàva i mân int’âl sò scusà e po, pâr quârântâ o quârântâcincu minut lâ gh’â stàva âtèntâ cuntrulândâ lâ cuturâ tânt cun un stusicâdent, intânt che dâ lâ radio surtiva incù ‘nâ müsicâtâ e ‘l prùfum d’lâ pumèlâ int’âal câvâgno u s’cunfundìva cun cul d’la turtâ ch’l’era ‘drè cös.

Ringraziamo Laura Marchesi di Pasticceria Marchesi di Voghera e il Civico Museo di Scienze Naturali Giuseppe Orlandi, per aver condiviso con noi questa buonissima ricetta con la Pomella Genovese, uno dei più amati prodotti tipi del nostro Oltrepò Pavese.

Ringraziamo per la preparazione della torta e collaborazione, la nostra amica Elena Bonini co-autrice del libro “Quando non avevamo paura” e “Solo per voi” (trovate l’articolo dedicato cliccando QUI).

Ringraziamo, inoltre, il poeta e scrittore Angelo Vicini, custode inestimabile delle tradizioni del nostro Oltrepò Pavese.

Fotografia di copertina: Roberta Tavernati|NarrandOltrepò

Fotografia Articolo: Elena Bonini

Disclaimer

Ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.L. 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla Legge di conversione 21 maggio 2004, n. 128 e succ. mod., tutte le opere eventualmente presenti sul presente sito, e suscettibili di copyright, hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d’autore e sui diritti connessi. Anche per tali opere vale il divieto di cui al punto precedente. E’ vietata la riproduzione e l’utilizzo senza l’autorizzazione ed il consenso dell’autore

Roberta Tavernati

Roberta Tavernati

Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione Interculturale e Multimediale all'Università degli studi di Pavia, nel 2012, con una tesi sulle Tecniche Cinematografiche 3D e il Motion Capture. Nello stesso anno ho aperto la mia azienda di apicoltura, MielOrum, con punto vendita a Casteggio. Da sempre, le mie passioni sono i computer, la grafica, la scrittura e la fotografia. Queste ultime, in particolare, insieme all'amore per il mio territorio, mi hanno motivata ad aprire questo blog.

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove