Esplorando la straordinaria Valle Staffora

Chi si addentra nell’esplorazione della Valle Staffora, può imbattersi in realtà straordinarie che devono essere raccontate.

Come tutto il nostro Oltrepò Pavese, in particolare questa “remota” vallata della Lombardia confinante con Piemonte e Liguria, offre antiche tradizioni, storia e cucina tipica.

L’azienda La Galaverna

La Valle Staffora è una “sorpresa”, perchè tra le alte colline, i borhi in pietra sparsi qua e là oppure dietro a quella curva, può nascondersi qualcosa di nuovo.

Percorrendo la Strada Provinciale 186 che da Varzi porta verso il Passo del Brallo, ci si trova davanti un antico fienile ristrutturato, dove sanni, legno e metallo si integrano con dolce armonia nel paesaggio circostante. Tra i boschi di Faggio, Castagno,Querce, Carpino Nero, l’occhio cade sulla distesa dei mandorli che già ad inizio Marzo cominciano a sbocciare.

E’ qui che si trova l’Azienda “La Galaverna” che con semplice originalità e raffinatezza, fa riscorprire il classico dolce della Valle Staffora: La Torta di Mandorle… e tante altre golose bontà!

Le mandorle in Valle Staffora?

La coltura delle mandorle in Valle Staffora, trova le sue origini nel Medioevo, quando i Saraceni introdussero negli usi culinari e non solo, la mandorla, frutto dalle mille proprietà. Nonostante il territorio sia insolito per coltivazione di questi frutti, l’aria del Mar Ligure (che non è poi così disante) permette la maturazione delle mandorle in modo eccellente.

Con il passare del tempo, la mandorla, è diventata protagonista delle specialità tipiche di questo territorio, la Torta di Mandorle, un dolce casalingo semplice creato con ingredienti altrettanto semplici, particolarmente nutriente e senza distinzione sociale: era un dolce per tutti, sia per ceti poveri sia per coloro che disponevano di più possibilità.

La Galaverna: un progetto a filiera corta

La Galaverna nasce con l’intento di fare riscoprire l’antico sapore e tradizione della Torta di Mandorle, ricetta tramandanta, dalla “Nonna Maria”, a figli e nipoti.

Il laboratorio “La Galaverna” nasce nel 2016 dall’idea di Stefano Albertazzi, in unione all’Azienda Agricola di famiglia “Il Patanti” esistente dal 1872, proprio nell’antico fienile ristrutturato con pietra a vista.

Un progetto a filiera corta della Famiglia Albertazzi, dove le mandorle, circa 1500 piante, vengono coltivate in alta collina, sui terreni dell’azienda così come il grano di varietà “Mantegna” utilizzato per la produzione delle farine a basso contenuto di glutine, macinate a pietra in un Mulino dell’Appennino Ligure sul torrente Gramizza in Val d’Aveto.

Tutti i prodotti di “La Galaverna” sono fatti a mano con ingredienti del territorio ed italiani. Dalla materia prima, la mandorla coltivata nel mandorleto e la sua raccolta, alla farina, al burro, allo zucchero e al limone di Sicilia.

Da una mandorla, tante bontà!

Quando si entra nell’antico fienile, dove le vetrate danno sul mandorleto, gli scaffali sono ricolmi dei prodotti dell’azienda.

C’è la Torta di Mandorle che non deve essere tagliata con il coltello ma spezzata con le mani, perchè sta proprio qui una delle sue caratteristiche. Nicole, la creatrice di tutte le bontà dell’azienda, ci consiglia di scaldarla prima di servirla perchè così il profumo delle mandorle inebria la stanza e ne viene esaltato il sapore.

Ci sono poi i Mandorlini, biscotti confezionati uno ad uno, friabili e dolci. Un “cadeau” per allietare momenti speciali. In cima allo scaffale ci sono Le Glorie, dei “cantuccini” con mandorle e un pizzico di cannella novità del Natale 2019. E poi, in confezioni colorate confezionati uno ad uno, ci sono i “Baci” con cacao, caffè e classici. Una confezione sembra non bastare, talmente sono buoni!

Ed è così che la Valle Staffora sorprende. Con le sue alte colline, i suoi boschi e le sue aziende che valorizzano un territorio, dalla storia antica e profonda, esaltandone le tradizioni anche a tavola. La Torta di Mandorle è speciale proprio perchè è semplice… forse perchè ci ricorda quanto le cose semplici siano le migliori, come una volta.

Contatti e Indirizzi utili

La Galaverna:

Sito Web: http://www.lagalaverna.it/

Facebook: https://www.facebook.com/La-Galaverna-243673856216771/

Telefono: 391.3934231

email: info@lagalaverna.it

INDIRIZZO:

La Galaverna Località La Galaverna, 1 – 27057 Varzi (Pavia)

Disclaimer

Ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.L. 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla Legge di conversione 21 maggio 2004, n. 128 e succ. mod., tutte le opere eventualmente presenti sul presente sito, e suscettibili di copyright, hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d’autore e sui diritti connessi. Anche per tali opere vale il divieto di cui al punto precedente. E’ vietata la riproduzione e l’utilizzo senza l’autorizzazione ed il consenso dell’autore.

Roberta Tavernati

Roberta Tavernati

Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione Interculturale e Multimediale all'Università degli studi di Pavia, nel 2012, con una tesi sulle Tecniche Cinematografiche 3D e il Motion Capture. Nello stesso anno ho aperto la mia azienda di apicoltura, MielOrum, con punto vendita a Casteggio. Da sempre, le mie passioni sono i computer, la grafica, la scrittura e la fotografia. Queste ultime, in particolare, insieme all'amore per il mio territorio, mi hanno motivata ad aprire questo blog.

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove