Skip to main content

Ricorrono quest’anno gli 80 anni dall’inaugurazione, avvenuta l’8 Maggio 1942, del Santuario di Nostra Signora di Montelungo, nella omonima località sita nel comune di Colli Verdi. Isolato sul dorso prolungato di un colle, a poca distanza dal Passo del Carmine, fra verdi colline, vigneti, pascoli e campi di grano, il Santuario è facilmente raggiungibile da Broni, Casteggio e Zavattarello.

E se 80 sono gli anni trascorsi da quando la bella chiesa dalle forme pseudo-romaniche domina questa suggestiva parte del nostro Oltrepò Pavese, molti di più sono quelli che raccontano dell’esistenza di una chiesa dedicata alla Madonna nel luogo dove oggi sorge la cappelletta dell’Apparizione.

Qui già nel VII° secolo sorgeva una chiesetta di cui si fa menzione in un documento del 774 con cui l’imperatore Carlo Magno, con un diploma, donava Montelungo, con annessa “Curtis”, al Monastero di San Colombano di Bobbio. Questa donazione fu confermata negli anni successivi da altri diplomi imperiali e da essi si ha notizia che a Montelungo i monaci di San Colombano avevano una chiesetta “in honore Sancta Maria”.

La tradizione fa risalire le origini di quella chiesetta all’apparizione della Madonna ad una fanciulla sordomuta di Lagagnolo (oggi frazione di Zavattarello). Alla giovane guarita venne chiesto come ringraziamento di propagandare la costruzione della chiesa dove la Madonna avrebbe compiuto molti miracoli, chiesa che, rinnovata intorno all’anno 1000, divenne un luogo di profonda devozione per gli abitanti dei borghi circostanti e non solo. Ed in effetti di ripetuti eventi miracolosi e di grazie ricevute si ha notizia nei documenti delle numerose visite pastorali avvenute nel corso degli anni tanto che l’Archvio Vescovile di Bobbio, alla cui diocesi appartiene il Santuario di Montelungo, conserva un fascicolo dal titolo “Apparizioni della Beat Vergine di Montelungo”.

Passarono gli anni e la vecchia chiesa cominciò a dare segni di cedimento tanto che venne deciso di procedere alla costruzione di un nuovo edificio su un appezzamento di terreno, donato da un benefattore, che si trovava non molto lontano.

Era il 1929 e con tanta fatica, dato il travagliato periodo storico, la costruzione dell’attuale Santuario ebbe inizio. L’8 Maggio 1942 alla presenza delle autorità religiose e civili, il nuovo Santuario venne inaugurato e con una solenne processione la statua della Beata Vergine fu rilevata dalla vecchia chiesa e portata nella nuova.

Alcune foto scattate in quella occasione ritraggono la processione e sullo sfondo si intravede il campanile della vecchia chiesa che dopo qualche anni fu demolita. Al suo posto, nel 1963, fu costruita una cappelletta, su progetto di Antonio Giuseppe Bruni di Voghera, con un piccolo campanile a vela, che conserva al suo interno un dipinto del 1982 opera dei pittori Teresa Marchetti (a cui si devono anche i dipinti del Sacro Cuore e di San Giuseppe che ornano le due cappelle laterali del nuovo santuario) e Antonio Giuseppe Bruni, che riproduce l’incontro miracoloso della giovinetta di Lagagnolo con la Madonna.

Attorniata da profumati tigli la cappelletta dell’Apparizione offre ai passanti un luogo dove, immersi nella quiete di un suggestivo paesaggio, si può sostare e raccogliersi in una silenziosa preghiera.

Dal Santuario sull’alto del colle la tradizione della solenne processione fino alla cappelletta dell’Apparizione si ripete ogni anno il 1° Maggio, con la partecipazione di tanti fedeli, rinnovando in tal modo quella devozione verso Nostra Signora di Montelungo che dal lontano medioevo si mantiene oggi ancora viva dopo secoli.

Disclaimer

Ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.L. 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla Legge di conversione 21 maggio 2004, n. 128 e succ. mod., tutte le opere eventualmente presenti sul presente sito, e suscettibili di copyright, hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d’autore e sui diritti connessi. Anche per tali opere vale il divieto di cui al punto precedente. E’ vietata la riproduzione e l’utilizzo senza l’autorizzazione ed il consenso dell’autore

Roberta Tavernati

Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione Interculturale e Multimediale all'Università degli studi di Pavia, nel 2012, con una tesi sulle Tecniche Cinematografiche 3D e il Motion Capture. Nello stesso anno ho aperto la mia azienda di apicoltura, MielOrum, con punto vendita a Casteggio. Da sempre, le mie passioni sono i computer, la grafica, la scrittura e la fotografia. Queste ultime, in particolare, insieme all'amore per il mio territorio, mi hanno motivata ad aprire questo blog.