L’anno scorso, ad Aprile 2019, vi abbiamo portato con noi al tradizionale Palio dell’Agnolotto presso la Tenuta Calcababbio, dove 14 concorrenti del territorio, tra ristoranti ed agriturismi, si sono sfidati nella preparazione di uno dei piatti più amati dell’Oltrepò Pavese: l’Agnolotto.

Nato nel 2018 sotto la guida degli chef Fabrizio Ferrari e Silvano Vanzulli, il Palio dell’Agnolotto è un concorso culinario che ha come protagonista la preparazione di uno dei piatti più amati del territorio, ma non solo. Lo scopo è quello di una raccolta fondi per lo sviluppo rurale della popolazione etiope, promossa dall’Associazione “Chicco per Emdibir“.

I concorrenti Palio dell’Agnolotto 2019

Il 2019 ha visto partecipare ristoranti ed agriturismi dell’Oltrepò tra cui: Agriturismo Boccapane di Andrea Morerio, Ristorante Sasseo, Ristorante Buscone di Varzi, Agriturismo Cella di Montalto, Ristorante La Pineta di fortunago, Agriturismo Corte Montini… e molti altri. L’evento ha permesso di mettere in risalto le realtà culinarie del nostro territorio, le tradizioni, i sapori, la bellissima location della Tenuta Calcababbio che ha ricevuto più di 200 ospiti.

Per tutti i dettagli sull’edizione 2019, sui concorrenti e sulla giuria, composta da giornalisti e personalità di spicco del panorama enogastronomico italiano, trovate l’articolo dedicato CLICCANDO QUI

Quest’anno, a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19 con la conseguente impossibilità di realizzare eventi, non è stato possibile concretizzare l’edizione 2020 del Palio dell’Agnolotto che avrebbe dovuto tenersi presso la “Villa Castello Torrazzetta” (Borgo Priolo, PV) il 26 Aprile.

Il Palio dell’Agnolotto si trasforma, quindi, in Delivery di solidarietà, dove i ristoratori del Palio si riuniscono per un progetto solidale sul territorio. Dimostrando, ancora una volta, l’inventiva e la coesione dei ristoratori e degli organizzatori.

La formula “Delivery” ha l’intento di offrire un momento di serenità a chi in questo periodo sta subendo maggiormente le conseguenze della pandemia. Gli anziani, i lavoratori in stato di disoccupazione temporanea, le mense caritatevoli, le famiglie numerose, sono i soggetti ai quali si rivolge l’iniziativa.

Essenziale la collaborazione dei comuni, quali Romagnese, Pietra dè Giorgi, Zavattarello che da Lunedì 18 Maggio hanno organizzato un calendario di consegne insieme ad un gruppo di volontari che, in tempi brevi, distribuiranno circa 8Kg di Agnolotti preparati dai ristoranti partner che hanno aderito per primi all’iniziativa: “Agriturismo Boccapane” (Ruino), “Agriturismo Calice dei Cherubini” (Montecalvo Versiggia), “Agriturismo Cella di Montalto” (Montalto Pavese) e “Ristorante Ad Astra” (Santa Maria della Versa).

La prossima distribuzione di Agnolotti, sarà a favore del banco Caritas di Stradella e coinvolgerà altri ristoranti ed agriturismi che, compatibilmente alle riaperture previste in queste settimane, potranno rendersi disponibili.

Il Palio dell’Agnolotto con la formula Delivery dimostra la forte unione e spirito di solidarietà di chi organizza e di chi partecipa a questo tradizionale evento ormai molto atteso in primavera. Promuove il territorio dell’Oltrepò Pavese, le realtà culinarie colpite durante il lockdown imposto per contenere il contagio, ed evidenzia la volontà di aiutare le persone più a rischio e in difficoltà.

Il gruppo ha dichiarato:

“È un modo per sottolineare l’importanza dell’unione e della comunione d’intenti a sostegno dei più deboli, ma anche l’opportunità per rafforzare le radici col nostro territorio, perché nessuno si salva da solo”.

Disclaimer
Ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.L. 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla Legge di conversione 21 maggio 2004, n. 128 e succ. mod., tutte le opere eventualmente presenti sul presente sito, e suscettibili di copyright, hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d’autore e sui diritti connessi. Anche per tali opere vale il divieto di cui al punto precedente. E’ vietata la riproduzione e l’utilizzo senza l’autorizzazione ed il consenso dell’autore

Roberta Tavernati

Roberta Tavernati

Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione Interculturale e Multimediale all'Università degli studi di Pavia, nel 2012, con una tesi sulle Tecniche Cinematografiche 3D e il Motion Capture. Nello stesso anno ho aperto la mia azienda di apicoltura, MielOrum, con punto vendita a Casteggio. Da sempre, le mie passioni sono i computer, la grafica, la scrittura e la fotografia. Queste ultime, in particolare, insieme all'amore per il mio territorio, mi hanno motivata ad aprire questo blog.

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove