Oggi pubblichiamo la bellissima poesia in dialetto di Angelo Vicini che ci ha inviato in occasione della nuova antologia, “Nato e crescuto in dialetto vogherese” presentata lo scorso primo giugno.

In essa, Angelo vicini descrive i colori della nostra terra, l’Oltrepò Pavese,  che tanto lui ama e che, non solo con le sue poesie ma anche con i suoi libri, trasmette a tutti i suoi lettori e amici.

MÍ J’Â VÂD SÉMPÂR

Mì j’â vâd sémpâr âncâsì s’gh’è scür

o chi vùlân insèmâ i pâsârén,

mì j’â vâd int’i crâp di mür

e mâstürà âj câprìsi di fjulén.

Mì j’â vâd fena in mèš di vuš

D’lâ gent che chì lâ viva tüt’i sò giurnà

e inti’i sogn che tüti gh’uma scüš

j’â vâd â rid prima dâ scâpà.

J’â vâd âncâsì quând gh’è lâ nèbjâ

che dâ nuàtâr lâ vena šü dâ svéns

e lâ t’fà sentì mè ch’â t’füs in gàbjâ

prima dâ sparì mè ch’fà l’incéns.

Mì j’â vâd istés cun j’ög sârà

e m’j’â sent tüti insìmâ d’lâ pèl,

mè ch’füsân una stòfâ râfinà

d’un vestì ch’l’incântâ tânt ch’l’è bèl.

Int’i roš sârvàdi mì j’â vâd,

che in tânti àrši i fân dâ büslà,

e pens ch’l’è bèl pudè incù crâd

chi ch’sârân incùrâ pâr l’eternità.

Si, mì j’â vâd dâbòn cun j’ög sârà,

pârchè l’è cul cör ch’n’in vâd una strâgèra,

prima che i mé ög merâviljà

s’limpìsân cuj culùr â d’lâ mé tèra.

IO LI VEDO SEMPRE (COLORI D’OLTREPÒ) 

Io li vedo sempre anche se c’è buio,o che volano insieme ai passeri,io li vedo nelle crepe dei murie mescolati ai capricci dei bambini.Io li vedo persino in mezzo alle vocidella gente che qui vive le sue giornatee nei sogni che tutti abbiamo nascostili vedo ridere prima che scappino.Li vedo anche quando c’è la nebbiache da noi viene giù soventee ti fa sentire come/ se fossi in gabbiaprima di sparire come fa l’incenso.Io li vedo lo stesso con gli occhi chiusie me li sento tutti sopra la pelle,come fossero una stoffa raffinatad’un vestito che incanta per la sua bellezza.Nelle rose selvatiche io li vedo,che in tanti argini fanno da siepe,e penso che è bello poter ancora credereche ci saranno per l’eternità.Si, li vedo davvero con gli occhi chiusi,perché col cuore io li vedo sparpagliati,prima che i miei occhi meravigliatisi riempiano con i colori della mia terra.

Fotografia di Copertina di Andrea Camillo

Disclaimer

Ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.L. 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla Legge di conversione 21 maggio 2004, n. 128 e succ. mod., tutte le opere eventualmente presenti sul presente sito, e suscettibili di copyright, hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d’autore e sui diritti connessi. Anche per tali opere vale il divieto di cui al punto precedente. E’ vietata la riproduzione e l’utilizzo senza l’autorizzazione ed il consenso dell’autore

Roberta Tavernati

Roberta Tavernati

Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione Interculturale e Multimediale all'Università degli studi di Pavia, nel 2012, con una tesi sulle Tecniche Cinematografiche 3D e il Motion Capture. Nello stesso anno ho aperto la mia azienda di apicoltura, MielOrum, con punto vendita a Casteggio. Da sempre, le mie passioni sono i computer, la grafica, la scrittura e la fotografia. Queste ultime, in particolare, insieme all'amore per il mio territorio, mi hanno motivata ad aprire questo blog.

Leave a Reply

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove