Uno dei progetti più intraprendenti ed ambiziosi che abbiamo avuto modo di conoscere e raccontarvi, è quello del recupero delle antiche favole dell’Alta Valle Staffora realizzato con impegno e creatività dalla scrittrice e illustratrice Valentina Balma.

Il progetto è nato più di due anni fa quando un giorno Valentina ha ascoltato sua mamma raccontare un proverbio a suo nipote di tre anni, ciò le ha riportato alla memoria le storie che la nonna di Cegni le raccontava da bambina e lì è avvenuta l’illuminazione: trascrivere le antiche storie dell’alta Valle Staffora, che sono sempre state tramandate esclusivamente per via orale, “traducendole” letteralmente da un complesso e vario dialetto montano.

Trascrivere queste favole rappresenta un lavoro molto importante perchè salva l’identità di un territorio, le favole raccontate dai nonni e dai bisnonni e che inevitabilmente andrebbero perdute.

Queste favole racchiudono delle morali, degli insegnamenti, delle metafore che possono essere contemporanee. Valentina le trascrivere in un linguaggio semplice e nuovo, adatto sopratutto ai bambini, arricchendole con le sue illustrazioni colorate e brillanti.

Fin’ora sono state “salvate” sei favole dell’Alta Valle Staffora e per ora ne sono state pubblicate tre:

  • La Pussa del Boiba Mucetto: un racconto emblematico ambientato in un’aia di Cegni. Si rifà tantissimo alla storia dei “Musicanti di Brema”
  • La Volpe e il Lupo alla casa del chiodo: favola a livello popolare e presente in varienti in tutta Italia, come in Puglia e in Calabria.
  • Il Cagnolino di San Giacomo: favola ricca di morale

La quarta storia

Proprio in questi giorni di Luglio, Valentina Balma ha pubblicato la quarta favola “salvata” dal titolo “Il Cece, una storia dell’Alta Valle Staffora” il cui protagonista sarà un mercante che possiede, come unico bene, un cece. Il mercante, dovendo partire per i mercati molto lontano dovrà decidere a chi lasciare questo suo unico bene, lascerà il Cece alla sua vicina di casa ma da quel momento inizieranno una serie di eventi che porteranno il protagonista a prendere decisioni talvolta poco felici. Dove lo porteranno?

Tutti i libretti scritti da Valentina potete trovarli contattandola alla pagina Facebook LIT-Picoedizioni

Trovate l’articolo con l’intervista a Valentina qui: https://narrandoltrepo.it/le-antiche-favole-dell-alto-oltrepo-pavese-di-valentina-balma/

Mentre qui sotto trovate la video intervista realizzata su Instagram i mesi scorsi.

Disclaimer
Ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.L. 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla Legge di conversione 21 maggio 2004, n. 128 e succ. mod., tutte le opere eventualmente presenti sul presente sito, e suscettibili di copyright, hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d’autore e sui diritti connessi. Anche per tali opere vale il divieto di cui al punto precedente. E’ vietata la riproduzione e l’utilizzo senza l’autorizzazione ed il consenso dell’autore

Roberta Tavernati

Roberta Tavernati

Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione Interculturale e Multimediale all'Università degli studi di Pavia, nel 2012, con una tesi sulle Tecniche Cinematografiche 3D e il Motion Capture. Nello stesso anno ho aperto la mia azienda di apicoltura, MielOrum, con punto vendita a Casteggio. Da sempre, le mie passioni sono i computer, la grafica, la scrittura e la fotografia. Queste ultime, in particolare, insieme all'amore per il mio territorio, mi hanno motivata ad aprire questo blog.

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove