Il nostro Oltrepò Pavese non è solo terra di viti e di produzione di grandi vini storici e famosi ma, anche, di cereali e grano che sono stati, in passato, fonte di sostentamento per contadini di tutte le valli: dalla bassa all’alta collina.

Proprio in uno dei Borghi Autentici dell’Oltrepò, Montesegale, trova la sua sede l’Associazione Grani di Tradizione “Gradito” che ha come intento quello di riscoprire, rivalutare e produrre i grani e cereali di tradizione, talvolta definiti “grani antichi“, quelli che attorno agli anni ’70 sono stati abbandonati per la bassa produttività sostituiti con quelli moderni selezionati per l’alta produzione e resa.

Un vero peccato, perché come scoprirete leggendo l’articolo, questi grani tradizionalmente coltivati in passato (ossia grano tenero, segale, orzo etc) hanno qualità organolettiche migliori dei grani moderni, hanno un’ottima resistenza alle malattie fungine, vengono coltivati in totale regine biologico e non necessitano quindi di concimi chimici e diserbanti, in quanto si adattano perfettamente al terreno competendo con le malerbe.

Volete approfondire l’argomento sul Borgo di Montesegale e del suo imponente castello? Trovate l’articolo CLICCANDO QUI

L’associazione

Nata nel maggio del 2017, l’Associazione Grani di Tradizione dell’Oltrepò “Gradito” dall’unione di un gruppo di agricoltori e amanti del territorio, ha subito riscosso adesioni e attenzione. Con sede nel Borgo Autentico di Montesegale,  sostenuta dal Sindaco Carlo Ferrari che ha partecipato nell’organizzazione della presentazione del progetto, presso il Centro Polifunzionale il 29 gennaio 2017. L’associazione è nata dopo un profondo studio sul territorio, sulle colture e sulla disponibilità degli agricoltori nell’intraprendere un’agricoltura – chiamiamola “antica”- che si basa sulla riscoperta dei grani della tradizione quali, ad esempio, frumento, orzo, grano tenero, segale.

Un progetto promosso anche dall’Associazione Nicholas Georgescu-Roegen durante la progettazione della Strategia di Sviluppo Aree Interne dell’Alto Oltrepò Pavese, sempre a inizio 2017.

Grazie ad una collaborazione con il CREA (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria), l’Associazione Grani Antichi di Montespertoli e con l’Associazione Reti Semi Rurali, è stato possibile avviare un percorso di sperimentazione e formazione per mezzo di “campi catalogo” situtati in diversi punti dell’Oltrepò Pavese collinare, dove gli agricoltori hanno potuto seminare grani di vario tipo, circa 16 varietà, come il Cologno, Mentana, Andriolo, Marzuolo, Rosso Olona, Ardito, Verna… per valutarne la resa, la resistenza e l’adattabilità.

L’associazione conta, attualmente 10 soci, distribuiti sui comuni di  Montesegale, Rocca Susella, Fortunago, Borgoratto Mormorolo e Cecima includendo, quindi, la Valle Ardivestra, la Valle Coppa e parte della Valle Staffora, permettendo un’area di coltivazione di circa 20 ettari.

Il progetto della Filiera

L’intento di questo importantissimo progetto e Associazione è quello di creare e rafforzare la filiera che si sta creando, dopo due anni di intenso lavoro, con Mugnai e Panificatori, in modo da offrire al territorio un prodotto che ne valorizzi l’identità.

Il primo passo è stato iniziare con la produzione di farine, farina di TIPO 2, di TIPO 1 e quella INTEGRALE macinate esclusivamente a pietra.

La macina in pietra, a differenza della macina moderna, lavora lentamente in modo più sano il prodotto in quanto viene conservato il “germe” mantenendo le proprietà salutari delle farine che sono più digeribili e con meno probabilità di causare intolleranze, a differenza di quelle raffinate della grande distribuzione.

Il “Germe di Grano” è la parte più importante perchè è ricco di sostante nutritive e proprietà. E’ ricco di enzimi, sali minerali, vitamine, fibre, proteine e moltissimo altro.  Le farine commerciali, estremamente raffinate, vengono private di questa importantissima parte, rendendole “spoglie” di tutte quei benefici che invece le farine dei grani di tradizione, complete, offrono.

L’obiettivo dell’associazione è di fare lavorare questo tipo di farine da panificatori capaci di fare risaltare al meglio le loro proprietà, istaurando collaborazioni durature anche tra ristoranti.

Attualmente le farine di TIPO 2, di segale ed integrale vengono trasformate in grissini, ciambelle e pane lievitato con lievito madre che ne favorisce una lievitazione più sana che diminuisce la probabilità di intolleranze e problemi di digestione.

I produttori della filiera non coltivano solo grani e cereali ma, anche, legumi, come Ceci, Lenticchie e Semi di Lino. Abbiamo avuto modo, durante l’annuale Fiera di San Damiano di Montesegale, di conoscere e chiacchierare con il produttore Marco Saccardi, di Rocca Susella, il quale ci ha mostrato i suoi prodotti e ci ha spiegato le coltivazioni presenti nella sua azienda.

Le Aziende

Come già accennato precedentemente, l’Associazione ha dieci agricoltori associati che si impegnano a coltivare i grani di tradizione in regime biologico, cioè senza l’uso di concimi chimici e diserbanti. Gli agricoltori sono collocati in vari comuni delle Valli Ardivestra, Coppa e Staffora.

Nel comune di Rocca Susella si trovano le Aziende Agricole di Marco Saccardi (nonché Vice Sindaco di Rocca Susella), Bertelegni Giorgio e Saccardi Roberto. Nel borgo di Fortunago si trovano le aziende di Riccardo Dell’Acqua, La Casa di Paglia di Viviana Vignandel (nonché l’omonimo Agriturismo) e il Castello di Stefanago (dove si producono vino e birra biologici. Sia dei prodotti che della storia del castello, ne parliamo CLICCANDO QUI). Nel piccolo comune di Borgoratto Mormorolo si trova l’Azienda Agricola di Adriano Nonna mentre a Montesegale le restanti aziende di Mauro Carbone, Gregorio Moschetti Pusterla e Nadia Sgorbini.

Un’Associazione che guarda al futuro

L’Associazione Grani di Tradizione dell’Oltrepò porta alta la bandiera del nostro territorio, cercando di riscoprire l’agricoltura, quella buona e genuina, che ultimamente si è andata a perdere in questa corsa frenetica verso l’inesauribile e insoddisfacente produttività. Pensiamo che sia uno di quei progetti di cui andare fieri e di cui parlare, per mostrare quanto di buono c’è nell’ Oltrepò Pavese.

La difficoltà maggiore, se si può dire, è quella di convincere il territorio ed i giovani a prendere parte a questo “mondo”, cominciando a coltivare questi grani e cereali. Nel 2018-2019 è stata attuata una convenzione con l’Istituto Agrario “Carlo Gallini” di Voghera, dove è stato possibile istaurare un progetto “alternanza scuola-lavoro” con visite alle aziende agricole facenti parte dell’Associazione Grani di Tradizione dell’Oltrepò.

Un ottimo modo per fare conoscere ai giovani di oggi le numerose possibilità agricole che questo territorio offre.

Un laboratorio da non perdere: 25 Gennaio 2020

Il prossimo 25 Gennaio prestto l’Agriturismo Calice dei Cherubini, nonchè Azienda Calatroni Vini, avrà luogo il primo, di una serie di laboratori bimestrali, di cucina dove saranno protagonisti i prodotti dell’Oltrepò Pavese per riscoprire le ricette della tradizione del nostro territorio.

Sabato 25 Gennaio si prepareranno i Ravioli della Tradizione con le farine dei Grani di Tradizione insieme a Marco Saccardi.

Trovate tutte le informazioni in locandina!

Abbiamo parlato dell’Azienda Calatroni Vini e dei vini biologici, in questo articolo che potete leggere CLICCANDO QUI!

Disclaimer

Ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.L. 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla Legge di conversione 21 maggio 2004, n. 128 e succ. mod., tutte le opere eventualmente presenti sul presente sito, e suscettibili di copyright, hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d’autore e sui diritti connessi. Anche per tali opere vale il divieto di cui al punto precedente. E’ vietata la riproduzione e l’utilizzo senza l’autorizzazione ed il consenso dell’autore

Roberta Tavernati

Roberta Tavernati

Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione Interculturale e Multimediale all'Università degli studi di Pavia, nel 2012, con una tesi sulle Tecniche Cinematografiche 3D e il Motion Capture. Nello stesso anno ho aperto la mia azienda di apicoltura, MielOrum, con punto vendita a Casteggio. Da sempre, le mie passioni sono i computer, la grafica, la scrittura e la fotografia. Queste ultime, in particolare, insieme all'amore per il mio territorio, mi hanno motivata ad aprire questo blog.

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove