L’associazione Culturale Artemista

alla Cascina Castello di Spessa Po

San Francesco d’Assisi diceva che chi lavora con le mani, con la testa e con il cuore è un artista.

Penso che avesse ragione perchè, nel momento in cui ho varcato la soglia della cascina castello di Spessa Po, sede del Centro Culturale Artemista, mi sono stati trasmessi dal direttore organizzativo, Elisa Pifferi, i valori e la passione che muovono l’associazione.

Artemista è un pò come “un porto sicuro” per tutti coloro che si sentono artisti, che sia attraverso la musica, il canto, la recitazione, il ballo o una mostra d’arte.

Una delle cose più belle, e che più mi ha colpita, della cascina castello, è il granaio del X secolo, il cuore pulsante del centro culturale. Una sala polifunzionale di 125 mq che, grazie alla sua acustica naturale, si presta alla registrazione di orchestre e grandi gruppi.

Il pavimento originale in cotto, le massicce travi in legno, le “persiane” originali segnate dall’inesorabile trascorrere del tempo, i disegni antichi ancora visibili sulle pareti creati con un carboncino da mani maldestre, custodiscono e trasmettono un passato importante e, su di esso, Artemista e i suoi artisti costruiscono “le storie del presente”.

In un ambiente che ha così tanto da raccontare, ci si sente a casa.

Artemista è un’associazione culturale senza scopo di lucro nata nel 2004 dall’unione di artisti di diverse discipline e linguaggi differenti: musica, teatro, fotografia. Da qui il nome “arte-mista” cioè arti miste, diverse, unite in un unico “contenitore”.

Il primo progetto dell’associazione è stato “Artingiro” un percorso biennale dedicato ai giovani, tra i 18 e i 25 anni, esteso in tutto il territorio e in alcuni comuni dell’Oltrepò Pavese, come Ruino. 8 laboratori e 8 discipline diverse tra cui danza, canto, cortometraggi e concerti. Un progetto ambizioso che ha richiesto moltissimo impegno e coinvolto più di 60 protagonisti.

Nel 2009, con il bando della regione Lombardia, l’associazione si è dedicata totalmente alla ristrutturazione della cascina castello di Spessa Po, ovvero l’edificio che diventerà la sede del Centro Culturale Artemista, con l’intento di accogliere al suo interno, tutti coloro con i medesimi valori artistici ed etici.

L’inaugurazione è avvenuta nel 2012 durante la quale è stato presentato l’Ostello, dotato di 25 posti letto suddivisi in stanze da due, tre o sei letti, dove possono essere ospitati gruppi musicali, compagnie teatrali nazionali ed internazionali, oltre che seminari, workshop e meeting aziendali.

Oltre all’ostello, il centro culturale include la “sala polifunzionale” (il granaio del X secolo), uno studio di registrazione e una sala prove per il teatro e la danza, di 96 mq.

Il fulcro dell’attività dell’Associazione Artemista è la produzione di spettacoli musicali, teatrali, video e fotografia. Il direttore artistico, Mauro Buttafava, si dedica alla composizione di musiche per gli spettacoli, collaborando inoltre, in sinergia con le compagnie ed i gruppi che arrivano ad Artemista per la produzione del proprio spettacolo.

Tutto ciò offre la possibilità di collaborare confrontandosi con culture e stili di vita differenti come, ad esempio, per l’organizzazione delle varie edizioni de “La sagra dei paesi del mondo” dove sono stati prodotti spettacoli e concerti musicali folk, di genere africano, asiatico, con racconti itineranti con danze e cene a tema.

Un altro evento che, nel prossimo aprile 2019 sarà alla sua seconda edizione, è “Foltrepò Italy 2019“.

Per circa una settimana verranno ospitati artisti e musicisti provenienti da ogni parte del mondo. Una bellissima iniziativa e, quindi, esperienza, per conoscere tradizioni popolari di altri paesi d’Europa e non solo. Un “meeting” dedicato al Folk nelle sue sfaccettature musicali. La novità dell’edizione 2019 sarà un omaggio al nostro territorio, cioè invitare al confronto gli ospiti stranieri con le musiche e i balli della tradizione popolare delle 4 province. L’evento si terrà presso la cascina castello di Spessa Po dal 18 al 23 aprile!

La formazione artistica, e non solo, è un aspetto importante dell’Associazione Artemista. Con il Centro Professione Musica CPM, Progetto Laiv, Scuole in Scena, sono stati realizzati laboratori formativi di teatro, musica e fumetto sia per bambini, adolescenti ma, anche, adulti, rivolti alle province di Pavia, Milano e Como.

Il centro è, inoltre, accessibile ai disabili e, per questo motivo, è stato ideato il progetto “Teatro per disabili” ossia un programma di formazione per le associazioni e cooperative che operano nel settore, come la collaborazione con ANFAS Stradella; lo scopo è quello di relazionare educatori, operatori del settore e utenti disabili al mondo del teatro.

Un altro aspetto importante è l’impegno nel sociale con lo spettacolo “Cambiamo Gioco”, ideato per portare informazione e riflessione a tutto ciò che è che ruota attorno alla dipendenza del gioco d’azzardo, il quale spezza i legami affettivi attirando i giovani (ma non solo) in un vortice di povertà sociale, affettiva ed economica. Questo spettacolo è stato patrocinato dall’associazione LIBERA contro le mafie.

Sempre dal punto di vista formativo e sociale, l’Associazione Artemista in estate diventa centro estivo per bambini e ragazzi (dai 5 ai 15 anni) proponendo formule di giornate complete, mezza giornata e pranzo. Vengono offerte attività di gioco, musica, escursioni, svolgimento dei compiti, teatro, lezioni d’inglese e molto altro.

L’Associazione Artemista si occupa, inoltre, della produzione di eventi e spettacoli dedicati all’ambiente e all’ecologia, come: “Di Palo in Frasca”, una festa ecologica dedicata all’ambiente e all’arte sia per grandi che per piccini, dove vengono proposte escursioni, spettacoli, mostre e laboratori dedicati alla natura, all’ecologia e al riciclo.

Eventi dell’Autunno 2019

Il Progetto Erasmus “RespectACTION: Youth Exchange”

A novembre 2019 Artemista ospiterà uno scambio giovani Erasmus+, con giovani tra i 18 e i 25 anni provenienti da Italia, Grecia e Serbia. Entro il 7 ottobre è possibile la partecipazione anche di ragazzi dell’Oltrepò Pavese che abbiano conoscenza della lingua inglese. Lo scopo è quello di fare entrare in comunione culture diverse nei 7 giorni previsti.

Per tutti i dettagli:

La fantasia e la creatività sono, quindi, il motore degli artisti dell’Associazione Artemista. Un evento che ha avuto particolare successo tra i bambini e giovani adulti, è stato il “gioco spettacolo” ideato per Halloween: “Hostel Transylvania 3“, un gioco  interattivo dove gruppi di circa 20 persone devono superare delle prove, risolvere enigmi e rompicapo e, a seconda della scelta intrapresa dal gruppo, il finale sarà diverso. Una sorta di gioco di ruolo dal vivo!

L’Associazione Culturale Artemista è davvero un luogo di creatività e passione. E’ stato davvero un piacere entrare in contatto, per un pomeriggio, con i valori e le idee che spingono il centro culturale a rinnovarsi e a proporre sempre nuovi interessanti eventi ed esperienze!

 

Associazione Culturale Artemista

Via Castello 4/I
Spessa
Telefono: 0382 729919
Roberta Tavernati

Roberta Tavernati

Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione Interculturale e Multimediale all'Università degli studi di Pavia, nel 2012, con una tesi sulle Tecniche Cinematografiche 3D e il Motion Capture. Nello stesso anno ho aperto la mia azienda di apicoltura, MielOrum, con punto vendita a Casteggio. Da sempre, le mie passioni sono i computer, la grafica, la scrittura e la fotografia. Queste ultime, in particolare, insieme all'amore per il mio territorio, mi hanno motivata ad aprire questo blog.

Leave a Reply

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove